Home / Il calcio in Europa / SD Europe al Parlamento europeo: ‘E’ fondamentale per i club e le leghe di piccole e medie dimensioni sviluppare strutture più sostenibili per consentire stabilità e crescita..’

SD Europe al Parlamento europeo: ‘E’ fondamentale per i club e le leghe di piccole e medie dimensioni sviluppare strutture più sostenibili per consentire stabilità e crescita..’

Traduzione del resoconto dell’intervento al Parlamento europeo di SD Europe in occasione dell’audizione dedicata all’equilibrio competitivo del calcio europeo intitolata Towards a Fair Football Competition in Europe(Verso una leale competizione calcistica in Europa)che si è tenuta il 4 settembre.

In un’audizione al Parlamento europeo, martedì 4 settembre, FIFPro, Fifa, la Premier League, la Commissione europea, l’ECA e SD Europe hanno discusso del crescente divario in tutta Europa tra le squadre di calcio grandi e quelle piccole.

Nel corso dell’audizione, intitolata Towards a Fair Football Competition in Europe(Verso una leale competizione calcistica in Europa), i deputati Paul Tang, Ramon Tremosa i Balcells e Bogdan Wenta hanno ospitato una tavola rotonda incentrata sul modo in cui le istituzioni europee possono contribuire a migliorare l’equilibrio competitivo nel calcio europeo.

La Fifa ha presento al pubblico gli attuali sviluppi intorno alla riforma del sistema dei trasferimenti, che coinvolge il World League Forum, la CIA, la FIFPro e l’Uefa. Non è stato possibile spiegare in profondità i dettagli, poiché le discussioni sono ancora in corso, ma SD Europe ha messo in evidenza l’assenza di adeguate consultazioni con i club di piccole e medie dimensioni in materia. “Dove sono realmente rappresentati gli interessi di questi club in queste discussioni?”, Ha chiesto Antonia Hagemann, CEO di SD Europe.

Successivamente sono stati discussi i temi della solidarietà e la redistribuzione all’interno e tra le competizioni. Sebbene i principi di solidarietà siano stati ritenuti importanti e necessari, SD Europe ha sottolineato che le misure di solidarietà devono ancora essere definite adeguatamente. “Senza di loro la diversità del calcio morirà, il suo impatto sociale morirà e le società sportive e crolleranno”, ha detto Antonia.

Il CEO di SD Europe ha evidenziato alcuni dei problemi che i sostenitori, in quanto cittadini europei, si trovano ad affrontare in tutto il continente: l’insolvenza di Lierse SK, una squadra calcistica di 112 anni in Belgio e la successiva ascesa di K.Lyra-Lierse , con il coinvolgimento dei sostenitori locali, così come il quasi collasso del Real Club Recreativo de Huelva, la più antica squadra di calcio della Spagna, salvato dalle azioni dei tifosi. Gli esempi hanno offerto al pubblico alcuni spunti sui problemi lontano dalle luci della ribalta dei club di élite.

Antonia ha anche spiegato come questi eventi siano effettivamente parte di un modello diffuso: un singolo proprietario di un’azienda, insolvenza, nessun club, coinvolgimento della comunità perso, piani di salvataggio e sostenitori che salvano la società, un ciclo di eventi che si ripetono all’infinito. La mancanza di un supporto economico adeguatamente strutturato per i club da parte delle federazioni e il mancato monitoraggio di dove gli investimenti finiscono conducono inevitabilmente ad un disastro!

***

Il panel e il pubblico hanno discusso dell’importanza dell’equilibrio competitivo e della sua complessità. C’è stato un accordo generale sul fatto che il problema debba essere affrontato in modo condiviso. Questo non è qualcosa che può essere risolto dai grandi club o dalle autorità per conto proprio, e non è solo una questione di soldi da spartire.

Antonia ha detto che lasciare che i soldi scendano lungo la piramide non può essere l’unico suggerimento e, di fatto, e non risolverà i problemi se tutti gli stakeholder continueranno a non migliorare la governance del calcio nel suo complesso. I club con una cattiva gestione e o pessimi proprietari non eviteranno insolvenze in futuro semplicemente perché hanno ricevuto risorse e entrate aggiuntive. Inoltre, i club che seguono standard di buon governo difficilmente possono riuscire se la maggior parte dei club intorno a loro nella propria lega gioca secondo regole diverse. È necessario un regolamento finanziario e sulla proprietà per migliorare la stabilità e vi è la necessità di condividere il know-how e le buone pratiche tra club di diverse dimensioni in tutta Europa.

“Siamo preoccupati che ad un certo punto questa separazione tra club molto grandi e il resto possa mandare all’aria tutto ciò che si trova al di sotto del calcio d’élite, senza preparazione sarà un impatto terribile per tutti i soggetti coinvolti: tifosi, giocatori, club, campionati, imprese locali e altri”, ha detto Antonia, aggiungendo che è fondamentale per i club e le leghe di piccole e medie dimensioni sviluppare strutture più sostenibili per consentire stabilità e crescita; quindi, essere pronti per il momento in cui i grandi club organizzeranno le proprie competizioni e / o campionati.

Jonas Baer-Hoffmann, segretario generale della divisione FIFPro Europa, ha sottolineato che l’instabilità finanziaria crea problemi ai giocatori che, in molti casi, subiscono ritardi o nessun pagamento da parte dei datori di lavoro. Ha convenuto con SD Europe che i club di piccole e medie dimensioni richiedono maggiore sostegno e una migliore supervisione regolamentare in quanto sono parte integrante della piramide del calcio.

Tutti i partecipanti hanno concordato che la discussione della serata è stata importante e che è necessario continuare per individuare soluzioni a una minaccia molto evidente per il calcio europeo.

Al LINK in inglese

 

About Stefano Pagnozzi

Stefano Pagnozzi
Stefano Pagnozzi è da anni impegnato nella raccolta di informazioni relative ai Supporters Trust in Italia e in Europa. E' il curatore del blog www.infoazionariatopopolarecalcio.blogspot.it e fa parte della redazione di Supporters In Campo.

Leave a Reply