Home / In evidenza / Il progetto di legge: comitato di tifosi nei club e tetto massimo del 30% di azioni per un socio

Il progetto di legge: comitato di tifosi nei club e tetto massimo del 30% di azioni per un socio

camera-dei-deputatidi:MARCO IARIA @marcoiaria1, Gazzetta dello Sport del 10 Aprile 2014

Se passasse sarebbe una rivoluzione per il calcio italiano. È una proposta di legge trasversale firmata da 42 deputati (oggi alle 14.30 la
presentazione alla Camera), che mette le tifoserie al centro del sistema, creando meccanismi di partecipazione nella vita delle società
sportive professionistiche, in primis pallonare.

In primo piano Il testo, guarda caso, vede tra i primi firmatari Angelo Attaguile, ex presidente del Catania, e Giancarlo Giorgetti, che qualche anno fa andò in ritiro col Varese come portiere.
A ispirarlo è stata l’associazione Salviamo il calcio, presieduta da Salvatore Grillo: «L’iniziativa coinvolge tutti i gruppi parlamentari tranne il
Movimento 5 Stelle, che tuttavia si è detto d’accordo. È arrivato il momento che il calcio italiano, nato attorno alle grandi famiglie, responsabilizzi i tifosi e favorisca un legame forte tra squadra e comunità». Come? Il procedimento è ambizioso: una modifica della legge 91 del 1981, quella sul professionismo, nella parte relativa alla proprietà e all’organizzazione delle società.

Il Numero: 20 su 20, le società di Serie A in cui uno stesso soggetto (fisico o giuridico) ha in mano almeno il 50% delle azioni.

Estero Guardando alle esperienze dell’azionariato popolare in Spagna e della regola del 50%+1 in Germania, la proposta di legge vieta
a uno stesso soggetto di detenere più del 30% delle azioni del club. Insomma, basta con i soci unici o di riferimento, largo alle proprietà diffuse. Una rivoluzione per l’Italia, se si pensi che le governance, dalla A alla Lega Pro, sono quasi tutte impostate sulla figura dell’uomo forte. Ma non è finita qui. I firmatari propongono di modificare gli statuti delle società in modo da creare dei comitati di tifosi, formati da un massimo di 1000 persone elette dagli abbonati della squadra e, in parte, nominate dal CdA tra le personalità che si sono distinte per attaccamento ai colori sociali. «Questo organismo – spiega Grillo – avrebbe accesso a tutte le carte della società ed esprimerebbe parere obbligatorio ma non vincolante. Inoltre il suo presidente parteciperebbe di diritto ai consigli di amministrazione del club». Sarebbe la fine del capitalismo calcistico all’italiana. Un disegno ardito, ai limiti dell’utopia. Ma il fatto che il tema sia approdato in Parlamento qualcosa vorrà pur dire.

Vedi anche: Info azionariato popolare calcio: Testo del progetto di legge: comitato di tifosi nei club e tetto massimo del 30% di azioni per un socio

 

About Leonardo Daga

Leonardo Daga
Leonardo Daga è un tifoso del Toro, da anni attivo nella difesa dei diritti dei tifosi del Toro e ora collaboratore di Supporters In Campo.

Leave a Reply